Macchine per imballaggio: sottovuoto, fardello o termoretraibile?

452 678
Il sottovuoto per il settore food e specifici reparti industriali, il termoretraibile per confezioni esteticamente impeccabili, le fardellatrici per imballi multipack e particolarmente resistenti: oggi parliamo della gamma completa di macchine per imballaggio minipack®-torre e delle loro specifiche applicazioni.
Minipack Torre spa
450 150

In minipack®-torre produciamo oggi 3 diversi tipi di macchine confezionatrici, progettati per produrre 3 diversi tipi di imballaggi: sottovuoto, fardelli o in termoretraibile. Quali sono le differenze? Per quali settori è più adatto l’uno piuttosto che l’altro?

Facciamo una sintesi di tutte le nostre soluzioni per il confezionamento e delle loro applicazioni.

Macchine per imballaggio sottovuoto

Le macchine che producono imballaggi sottovuoto sono richieste sia nel settore della ristorazione e della gastronomia (piccoli negozi, supermercati, ortofrutta, ecc.), sia in alcuni reparti delle grandi realtà industriali.

Per questi 2 tipi di clientela, proponiamo 2 diversi tipi di macchine per imballaggio:

  • La gamma MVS è fatta da macchina compatte, a campana. Sono ottimizzate per la cucina sous-vide e dotate di sistemi di etichettatura e display di comando per impostare velocemente diversi programmi di produzione; la struttura è in acciaio inox: perfetta per ristoranti e settore food.

  • La gamma SWING comprende macchine veloci e performanti, anche dal punto di vista del risparmio energetico, per il confezionamento sottovuoto su larga scala. La chiusura traslante permette infatti di velocizzare il processo di confezionamento, mantenendo alta la qualità del prodotto finale e garantendo un’ottima resistenza nel tempo.

Macchine con film termoretraibile

Il film termoretraibile offre innumerevoli vantaggi in termini di estetica del prodotto, gamma di prodotti confezionabili, resistenza dell’imballaggio. Per questi motivi, le macchine per imballaggio in termoretraibile sono richieste da realtà di piccole, medie ma anche grandi dimensioni: per ognuna di esse, c’è una macchina adatta.

  • Le termoretraibili a campana manuali sono dedicate alle piccole attività: sono compatte e occupano poco spazio, ma garantiscono comunque la massima produttività con il minimo sforzo.
  • Le termoretraibili a campana semi-automatiche e automatiche sono indicate invece per le attività di medie dimensioni che vogliono ottimizzare i tempi di imballaggio, ma avere comunque pieno controllo sui processi produttivi. In più, hanno un occhio di riguardo per il risparmio energetico.
  • Le PRATIKA (termoretraibili angolari e a saldatura continua, ma tutte completamente automatiche) sono infine progettate per gli usi industriali. Ritmi di confezionamento elevati, grandi portate, un altissimo numero di pezzi imballati all’ora (fino a 3600 pz/h) e possibilità di trattare prodotti grandi fino a 700 mm x 360 mm le rendono il massimo del confezionamento termoretraibile automatico.

 

Macchine fardellatrici

Per confezionare qualunque prodotto in logica multipackbottiglie dell’acqua, lattine, barattoli ecc.– o con packaging molto resistenti, le specifiche macchine per imballaggio sono le fardellatrici automatiche e semi-automatiche.

La gamma di fardellatrici minipack®-torre nasce dalla fusione con il brand italiano Gramegna e conserva tutte le caratteristiche volute dallo storico fondatore:

  • Imballi resistenti perché realizzati con film in polietilene, più spesso rispetto al PVC;
  • Compattezza ed elevate prestazioni, grazie anche alla varietà di optional disponibili;
  • Ottimi standard di sicurezza (una fotocellula blocca la barra saldante in presenza di ostacoli);
  • Certificazione CE.

 

Vuoi vedere nel dettaglio tutte le caratteristiche delle nostre macchine per l’imballaggio? Fai un giro nella sezione dedicata!

516
Scrivi un commento
Hai bisogno di maggiori informazioni?

Contattaci subito, risponderemo a tutte le tue richieste!

Scopri di più
Chiudi